Ustica

Ustica è un’isola nel parte nord occidentale della Sicilia. Le sue coste frastagliate con scogliere a strapiombo sul mare nascondono bellissime grotte, insenature e calette incontaminate. Gli abitanti vivono soprattutto di pesca e turismo. Ustica è diventata, grazie alle sue acque trasparenti e alle sue coste rocciose, un vero e proprio paradiso per gli amanti delle immersioni subacquee. La flora e la fauna marina di Ustica assomigliano per alcuni versi a quelle tropicali con coralli, rose di mare e una variopinta vegetazione. Dal 1987 è divenuta riserva marina.

Ricca di grotte, scogli e secche che possono essere scoperti in barca (i pescatori al porto si offrono di accompagnare i turisti con le imbarcazioni di piccole dimensioni, adatte ad entrare nelle grotte), ma anche da terra. Da menzionare la grotta Verde, grotta Azzurra, grotta della Pastizza, grotta dell’Oro, grotta delle Colonne e gli scogli del Medico e della Colombara.

Ustica offre anche bellissime spiagge fra cui Cala Sidoti, Punta dello Spalmatore, al Faro e stupende baie rocciose, quali la piscina naturale, concentrate lungo il versante occidentale.

L’isola di Ustica è attraversata da una dorsale montagnosa che culmina nella località chiamata Guardia dei Turchi, che anticamente veniva usata come punto di avvistamento contro i nemici che cercavano di invadere l’isola.

Nel corso dei secoli furono edificate due torri di guardia, Torre di Santa Maria e Torre Spalmatore, che facevano parte del sistema di avviso delle Torri costiere della Sicilia, e che attualmente sono sedi del museo archeologico la prima e della Riserva Marina l’altra.

Il centro è caratterizzato da stradine e borghi caratteristici, con scalinate spesso ornate da splendidi fiori come l’ibiscus. L’isola è agevolmente visitabile in motorino e con gli autobus e che collegano in modo efficiente e pratico tutta l’isola, e che consentono di godere con poca fatica splendide visuali e a scorci mozzafiato.